Posted in luglio 2013

Playground around the corner

Perché è quasi impossibile trovare informazioni sui parchi giochi, e chi viaggia con bambini pagherebbe oro per averle. Perché non c’è bisogno di andare a Gardaland o in un mini club quando si viaggia in famiglia. Perché i parchi giochi esistono ovunque, proprio dietro l’angolo, ed è importante scoprirli, curarli e comunicarli.

Mi presento: sono Mary, per me viaggiare è vitale, vedere, conoscere, assaggiare.. non posso farne a meno. Con l’arrivo dei due figli ho continuato a farlo adattando i viaggi anche alle loro esigenze e ai loro interessi.
Qual è il massimo desiderio di un bambino se non quello di giocare? E’ vero, i bambini inventano giochi ovunque, ma se esiste uno spazio appositamente predisposto per il gioco, sicuro, accogliente e stimolante perché non sfruttarlo? Ed ecco che i nostri viaggi hanno iniziato a fare soste nei playground di ogni grande città o piccolo paese visitati.

Viaggiando all’estero, ho sempre trovato molte indicazioni sul posizionamento e la dotazione di questi spazi, che esistono ovunque, in luoghi più o meno conosciuti a livello turistico, e che sono quasi sempre aree accoglienti, studiate e perfette per una pausa di gioco all’aria aperta. In Italia, al contrario, sul web si affollano pagine dedicate ai grandi parchi divertimenti, ma non esistono informazioni riguardanti l’ ubicazione di quei piccoli parchi giochi che esistono in ogni paese o città che sia, proprio dietro l’angolo, e che potrebbero risultare  utili a chi viaggia in Italia con bambini al seguito.

Il mio blog, http://www.playgroundaroundthecorner.com/ , vuole raccogliere e fornire alle famiglie in viaggio queste informazioni (al momento mancanti) sul posizionamento e la dotazione di queste aree gioco affinché, scoprendo in lungo e in largo la nostra penisola, possano avere a disposizione indicazioni utili sul dove fermarsi qualora volessero regalare ai piccoli accompagnatori momenti di gioco durante il viaggio, senza dovere necessariamente ricorrere a Gardaland o ad un mini club.
Cercando i parchi giochi nascosti lungo la penisola, ho trovato luoghi meritevoli di lode, che nulla hanno da invidiare ai playground esteri: la via dei bambini di Manarola che conduce ad un parco giochi a picco sul mare, i giochi su sabbia a ridosso dell’azzurro lago di Molveno, accoglienti aree gioco nascoste nei giardini pubblici di famose città come Ferrara e Padova.

Purtroppo non posso elogiare tutti i parchi visitati o conosciuti tramite le descrizioni di tante blogger che, partecipando all’iniziativa Welcome to my playground (http://playgroundaroundthecorner.com/2013/04/09/welcome-to-my-playground/ ), mi scrivono, raccontandomi le loro aree gioco. Esistono parchi giochi anonimi, degradati, quasi sempre non fruibili da chi è portatore di handicap.

Nei miei post racconto i parchi giochi partendo dal contesto in cui sono inseriti, l’Italia è meravigliosa e mi piace elogiarla. Ma nel descrivere i nostri playground cerco di essere molto obiettiva affinché playgroundaroundthecorner possa risultare utile a chi visita l’Italia con bambini al seguito fornendo informazioni relative a dove e come sono i parchi giochi dell’area che visitano. Spesso sono nascosti in pieno centro storico, sono puliti e accoglienti e conoscerne l’esistenza potrebbe essere un aiuto per fare giocare i bambini proprio nel cuore della città continuando ad ammirarne la bellezza.
Secondo scopo è quello di fare luce sull’argomento affinché ai nostri parchi giochi possa essere dedicata la dovuta attenzione e queste aree possano divenire spazi studiati, originali, stimolanti e sicuri, sia per chi vive che per chi visita l’Italia in qualsiasi sua parte.

I Sentieri del Mondo

Sonia Sgarella, piacere!

Classe 1984, laureata presso l’Università degli studi di Milano in Economia Europea.

Mi rendo conto, subito dopo la Laurea, che numeri e calcoli non fanno per me nonostante l’utilità indiscussa che potrebbero avere in futuro. Mi iscrivo quindi di nuovo all’università per specializzarmi in indologia, lingua e letteratura sanscrita e storia dell’arte dell’India e dell’Asia centrale, interessi sorti durante i numerosi viaggi intrapresi negli anni a cavallo degli studi.

Accompagnatrice turistica di professione (munita quindi di patentino), determinata a far conoscere il mondo agli altri con passione ed entusiasmo dedicando impegno, ricerca e studio ai luoghi che più amo. Passione e professione mi hanno portato a viaggiare dal 2006 in oltre 20 paesi nei 5 continenti tra cui India ovviamente,Tibet, Nepal,Bhutan, Thailandia, Laos, Cambogia, Vietnam, Myanmar, e ancora Australia, Perù e Bolivia, alla scoperta di luoghi e culture. Credo di potermi definire una vera viaggiatrice, di quelle che dicono sempre “andiamo” e non sanno il perché, di quelle che partono per partire e basta, alla conquista del mondo, sentendomi a casa ovunque.

Il mio blog, che trovate all’indirizzo www.isentieridelmondo.com, è nato da poco ma si tratta di un progetto serio che vorrei portare alla vostra attenzione. Mi sono ripromessa di portare sempre con me un blocchetto di fogli bianchi su cui poter raccogliere informazioni, notizie, curiosità e pensieri che penso valga la pena di riportare e condividere con chiunque sia interessato ad ascoltarli. Non solo racconti di viaggio passati, presenti e futuri quindi.

Questo blog vuole essere anche un’aggiunta e un supporto allo studio e alla ricerca rivolto a chiunque volesse fare chiarezza sugli argomenti che verranno trattati man mano. Una sorta di “bigino” dedicato a tutti quelli che avrebbero voluto averne uno di ricordo alla fine di ogni viaggio.Che le mie parole possano far sognare ed entusiasmare chi i miei passi li ha già percorsi, chi lo sta per fare, lo farà, o non lo farà mai.

Fatele vostre, identificatevi o discostatevi ma viaggiate, viaggiate e viaggiate, con i piedi, con la mente e con il cuore. Il mondo è un luogo meraviglioso da percorrere, da esplorare, da capire e da accogliere con entusiasmo, umiltà e curiosità, convinti che l’altro ci possa solo arricchire, mai togliere. E allora, non ci rimane altro che imparare!

Mi trovate anche alla pagina facebook https://www.facebook.com/ISentieriDelMondo … buona lettura!

Diario di una viaggiatrice superstar

Piacere sono Silvia!

Diario di una viaggiatrice superstar nasce dalle tante ore passate davanti al pc a leggere travel blog altrui, recensioni, contributi che a volte sono stati molto utili, racconti di viaggio che mi hanno fatto sognare, viaggiare con la mente, e devo dire che in questo periodo di crisi, mi capita sempre più spesso! :-)

E allora perché no? Il 14 Dicembre 2013 ho aperto il mio blog, che parla di me, delle mie passioni e dei miei viaggi low cost. La mia droga è viaggiare, ma quello che mi piace di più è la fase dell’organizzazione, la fase che viene prima del viaggio, quando sei carico di aspettative, quando tutto ancora deve iniziare, quando con la cartina aperta e con la Lonely Planet progetti il tuo itinerario, quando spunti nella lista le cose da mettere in valigia, e vestiti dopo vestiti l’idea di partire è ormai diventata realtà!

Perchè in fondo…l’attesa del piacere è essa stessa il piacere….

Se volete venirmi a trovare questo è il mio blog: http://diariodiunaviaggiatricesuperstar.blogspot.it/
oppure mi trovare su twitter @silviacutoloni
Buona vita viaggiatori!

In due, nelle terre selvagge

Un blog. Due mentecatti. Sei mesi di preparazione. Venti giorni all’addiaccio. Un’idea folle, una fuga dalla realta’.

La storia di un viaggio in Alaska alla ricerca di qualcosa. Dall’idea, attraverso la preparazione, l’organizzazione, l’allenamento, fino alla partenza e (si spera) al ritorno.

Nessuno di noi due ha il coraggio di fare un viaggio del genere da solo. Partiremo insieme, come tante altre volte. Lontano da tutto e da tutti. Per vivere un’esperienza al di fuori del nostro quotidiano. Per molti sara’ solo un viaggio, per altri una delle nostre solite cazzate.

Forse lo sara’ anche per noi. Ma forse no. E speriamo di trovare laggiu’ qualcosa che abbiamo perso da un po’.” nelleterreselvagge sta diventando un libro, dal titolo “due sprovveduti in Alaska” e ad ottobre partiremo 4 mesi per “due sprovveduti sulla Panamericana”. Dall’Alaska alla Patagonia in macchina. tutto sul blog. in diretta.

http://nelleterreselvagge.com/

Borghiamo parte per la Spagna

Borghiamo nasce dalla passione per il viaggio e la fotografia di due Travel Blogger. Uno specializzato nei viaggi low cost e l’altro nella fotografia di viaggio hanno deciso di viaggiare assieme per raccontare in modo diverso il viaggio.

Da sempre pensiamo che a viaggiare si è almeno in due, a volte si viaggia da soli è vero e a volte quando si ha famiglia anche in tre o in quattro. Ma la maggior parte dei nostri viaggi li facciamo assieme al nostro compagno/a, ecco perché ci piace girare e raccontare il Mondo a due per sapere sempre dove è meglio mangiare e dove è meglio dormire e quali escursioni è meglio fare in coppia.
A settembre Borghiamo partirà alla volta della Spagna per il progetto #SpagnaontheRoad assieme a Spagna in Italia, Ente del Turismo Spagnolo in Italia e Ford Europa. Tre settimane con partenza e ritorno a Madrid passando per Valencia, Murcia e tutta l’Andalusia. 

Faremo scoprire a chi ci segue chicche della Spagna mai viste prima, riserve naturali, borghi e specialità sconosciute ai più. Grazie ai blogger spagnoli che incontreremo e ai blogger italiani che riceveranno contenuti esclusivi durante il viaggio, creeremo una rete di relazioni da blogger a blogger per un racconto a più mani.

Blog: http://borghiamo.it
Facebook: https://www.facebook.com/BorghiAmo
Twitter: https://twitter.com/Borghiamo

popstrap.com